Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

DOMANDE FREQUENTI SUI RIENTRI IN ITALIA E SULL'EMERGENZA COVID 19

Data:

29/03/2020


DOMANDE FREQUENTI SUI RIENTRI IN ITALIA E SULL'EMERGENZA COVID 19

DOMANDE FREQUENTI SUI RIENTRI IN ITALIA E SULL'EMERGENZA COVID 19

(aggiornamento al 30.03.2020)

Mi e’ stato cancellato il volo di rientro in Italia. Che devo fare? Vista la contrazione del traffico aereo internazionale dovuta all’epidemia di coronavirus, la chiusura di molti porti di transito e i rischi sanitari legati al trasporto aereo, le principali compagnie aeree hanno cancellato gran parte dei loro voli e sospeso l'operativita' sulla maggior parte delle rotte. Nel notificare la cancellazione del volo, la compagnia aerea deve inviarvi informazioni precise in merito alla procedura per ottenere la riprenotazione su di un altro volo o il rimborso del costo del biglietto. Se volete rientrare in Italia il prima possibile, dovrete sentire la compagnia aerea o l’agenzia di viaggi con cui avete fatto il biglietto per vedere se sono in grado i riprenotarvi su un altro volo o prenotare un nuovo volo con una diversa compagnia/agenzia.

Voglio rientrare immediatamente in Italia. Che devo fare? Le opzioni per il rientro in Italia sono ormai limitatissime. Se si vuole rientrare il prima possibile in Italia, suggeriamo di non acquistare biglietti online, ma di contattare sempre un’agenzia di viaggi o direttamene la compagnia aerea per informazioni aggiornate in merito ai voli al momento confermati nonché le tratte che sono aperte ai viaggiatori italiani. Viste le limitatissime opzioni di volo rimaste per l’Italia, potrebbe essere necessario volare su un altro Paese europeo e poi rientrare in Italia con un ulteriore collegamento aereo (Alitalia e altre compagnie europee ancora volano in Italia) o via terra (utilizzando all’occorrenza anche treni, bus o noleggiando un’auto). Viste le condizioni critiche del trasporto aereo, raccomandiamo di acquitare la prima soluzione di rientro disponibile. Le tratte aeree aperte sono in rapida diminuzione - alla luce delle crescenti restrizioni in entrata in molti Paesi - e si prevede che il traffico aereo possa contrarsi ulteriormente nel breve periodo. Se non conoscete un'Agenzia di viaggio o vi trovate in un luogo dove non ci sono Agenzie di viaggio fate riferimento alla Lista di contatti di Agenzie di viaggio di fiducia della nostra Ambasciata. Al momento la principale rotta ancora aperta e' quella via Doha con Qatar Airways in partenza da Auckland (verificare la disponibilita' di posti con i propri agenti di viaggio o la compagnia aerea). ALLA LUCE DELLE RESTRIZIONI AL MOVIMENTO DELLE PERSONE DECISE DAL GOVERNO NEOZELANDESE AD OGGI QUESTA OPZIONE PER IL RIENTRO IN ITALIA E' EFFETTIVAMENTE DISPONIBILE SOLO PER CHI SI TROVA GIA' AD AUCKLAND.

Gli agenti di viaggio continuano a lavorare? Sì. La maggior parte delle agenzie di viaggio continua per il momento a lavorare seppur da remoto.

E' possibile transitare per l'Australia? No. La possibilita' di fare rientro in Italia/Europa transitando per l'Australia e' terminata alle 12pm (ora di Sydney) del 26 marzo.

Sono bloccato in un'Isola del Pacifico. E possibile transitare in Nuova Zelanda o Australia? No. Purtroppo sia la Nuova Zelanda che l'Australia hanno bloccato il transito in entrata in entrambi i Paesi.

Se volo verso un altro Paese europeo potro' poi fare rientro in Italia? Al momento il traffico passeggeri (aereo e via terra) e' consentito nella maggior parte dei Paesi europei. Per informazioni aggiornate si consiglia di consultare il sito Viaggiare Sicuri e la pagina web dell'Ambasciata italiana nel Paese di destinazione del vostro volo.

Dove trovo informazioni aggiornate sulle restrizioni all'ingresso in Paesi terzi di transito verso l'Italia? Sul sito Viaggiare Sicuri e sul sito della IATA.

Sono qui con un visto temporaneo e non riesco a partire e vorrei comunicare il mio nominativo e contatti all'Ambasciata. Come posso farlo? Al fine di monitorare la situazione dei connazionali che si trovano in Nuova Zelanda CON VISTI TEMPORANEI e che non riescono a trovare voli per rimpatriare in Italia, vi chiediamo di compilare il Formulario disponibile a questo link.

Mi e’ stato cancellato il volo ed il mio visto temporaneo scade entro il 1 aprile. Che devo fare? Se il vostro visto temporaneo sta per scadere e avete bisogno di restare piu’ a lungo in Nuova Zelanda vi suggeriamo di prendere contatto con l’immigrazione neozelandese o un Immigration advisor per presentare una nuova domanda di visto prima della scadenza del visto corrente (le domande possono essere presentate online sul sito di Immigration NZ). Segnaliamo che tutti i cittadini italiani gia’ in Nuova Zelanda possono presentare domanda per un visitor visa per una durata massima di 9 mesi (eccetto il periodo di tempo gia’ trascorso su visitor visa o visa waiver nel corso degli ultimi 18 mesi). La richiesta del visitor visa deve avvenire prima della scadenza del visto corrente. Le richieste di Visitor visa possono essere effettuate direttamente sul sito dell’Immigrazione neozelandese o tramite un Immigration advisor. Si ricorda inoltre che sara' necessario anche estendere l'assicurazione di viaggio/sanitaria. 

E' vero che i visti saranno automaticamente estesi? Le Autorita' di immigrazione neozelandesi hanno annunciato che i visti temporanei che sarebbero scaduti fra il 2 aprile ed il 9 luglio 2020 saranno automaticamente estesi fino al 25 settembre 2020. Il rinnovo e' automatico e verra' notificato via email da Immigration NZ. Si prega di notare che i visti che scadono prima del 1 aprile non saranno rinnovati automaticamente; in questo caso sara' necessario - se non si riesce a partire immediatamente - presentare una nuova domanda di visto prima della scadenza del visto. 

Ho sentito dire che la Farnesina e Alitalia stanno organizzazando voli speciali per far ritornare i cittadini in Italia. Sono previsti anche voli dalla Nuova Zelanda? No. Purtroppo non sono al momento previsti voli speciali dalla Nuova Zelanda. Alitalia ha finora organizzato voli a carattere speciale su tratte su cui gia' vola in via ordinaria e le Autorita' neozelandesi sono al momento impossibilitate ad autorizzare la partenza di voli speciali dal Paese.

Ho sentito dire che la Germania e la UE stanno organizzando dei voli di rimpatrio. E' vero? I voli di rimpatrio organizzati dal Governo tedesco e supportati dalla UE sono al momento sospesi. Qualora fossero riattivati, la quota di posti riservati ad italiani sarebbe minima ed essenzialmente dedicati a minori non accompagnati e altri soggetti vulnerabili.

Qualora trovassi un volo, posso fare rientro in Italia? Per contenere la diffusione del coronavirus, il Governo italiano ha stabilito la limitazione degli spostamenti delle persone fisiche in tutta Italia. E' tuttora consentito il rientro dei cittadini italiani o degli stranieri residenti in Italia che si trovano all'estero in via temporanea (per turismo, affari o altro) e di coloro che sono costretti a lasciare definitivamente il Paese estero dove lavoravano o studiavano (perché, ad esempio, sono stati licenziati, hanno perso la casa, il loro corso di studi è stato definitivamente interrotto).Una volta entrati nel territorio nazionale, gli interessati dovranno raggiungere la propria casa nel minore tempo possibile. Le circostanze di assoluta urgenza devono essere autocertificate. Si raccomanda di preparare l'Autocertificazione prima della partenza, indicando in modo specifico i motivi del rientro, in modo da rendere più rapidi i controlli. Chi arriva dall'estero non può prendere mezzi di trasporto pubblici, ma solo mezzi privati. Chi rientra in Italia dovrà inoltre comunicare l’ingresso nel territorio nazionale al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio ed è sottoposto a sorveglianza sanitaria e a isolamento fiduciario per 14 giorni. Per maggiori informazioni si rimanda alla sezione dedicata del sito Ministero degli Affari Esteri italiano.

Gli aeroporti in Italia sono aperti? Il Ministero dei Trasporti italiano ha deciso di chiudere una parte degli aeroporti in seguito alla forte riduzione del traffico aereo verso l'Italia per via dei contagi del Covid-19. Rimangono aperti e operativi i seguenti aeroporti: Ancona, Bari, Bologna, Cagliari, Catania, Genova, Lamezia Terme, Lampedusa, Milano Malpensa, Napoli Capodichino, Palermo, Pantelleria, Pescara, Pisa, Roma Fiumicino, Torino e Venezia Tessera.

Quali voli verso l'Italia sono garantiti? Grazie all'intervento del Governo italiano, Alitalia si e' impegnata a garantire vari collegamenti aerei per l'Italia sia all'interno dell'Unione Europea che fuori dalla UE. Alitalia continua inoltre ad effettuare voli domestici sulla maggior parte degli areoporti italiani. Anche altre compagnie aeree (per lo piu' europee) continuano a valore in Italia.

Mi trovo in Italia ma avevo organizzato di venire in Nuova Zelanda. E’ ancora possibile partire? Il Governo neozelandese vieta l'entrata a tutti i viaggiatori provenienti dall'estero - inclusa l'Italia - in considerazione dell’epidemia di COVID-19 in corso. Sono esclusi dal divieto i cittadini neozelandesi o i residenti (titolari di resident class visa). Possono entrare in Nuova Zelanda anche i partner e i figli a carico, se viaggiano con un cittadino o residente neozelandese. Limitatissime eccezioni potranno essere concesse per comprovate circostanze di natura umanitaria. Tutti coloro cui e' consentito entrare in Nuova Zelanda - al pari di chiunque fosse entrato prima del divieto - dovranno registrarsi obbligatoriamente presso la linea telefonica verde (Healthline) del Ministero della Salute (0800 358 5453 oppure +64 9 358 5453 per SIM straniere) ed osservare un periodo di auto-isolamento obbligatorio di 14 giorni. Maggiori informazioni sono a disposizione sul sito del Ministero della Salute neozelandese.

Che copertura sanitaria hanno i cittadini italiani in Nuova Zelanda? E che succede se mi ammalo di Covid 19? Non esistono accordi sanitari bilaterali fra Italia e Nuova Zelanda. Nel caso in cui il vostro visto non vi garantisca l’accesso al servizio sanitario neozelandese (e’ cosi’ per la maggior parte dei visti temporanei), il vostro livello di copertura medica dipende dall'assicurazione sanitaria/viaggio che avete stipulato. Il Governo neozelandese ha comunque assicurato che si fara' carico di eventuali spese direttamente collegate al contagio da Covid 19, incluse le spese di sorveglianza, diagnosi (incluso le spese per il tampone), trattamento, follow-up e contact tracing.  

Ho presentato domanda di visto per la Nuova Zelanda ma non intendo più partire. Posso avere un rimborso?L’Immigrazione neozelandese ha comunicato che valuterà la possibilità di consentire il ritiro delle domande di visto (con relativo rimborso delle spese) nei casi in cui il richiedente e’ impossibilitato a trasferirsi in Nuova Zelanda a causa dell’epidemia di coronavirus. Si suggerisce pertanto di contattare l’Immigrazione neozelandese. Si segnala tuttavia che la stessa Immigrazione ha comunicato di non poter rimborsare il costo di NZeTA gia’ emessi e non utilizzati.

Sono arrivato da poco in Nuova Zelanda con un visto vacanza-lavoro. Non sono sicuro se e' il caso di rimanere. Che mi conviene fare? L'Ambasciata raccomanda - come richiesto dalle Autorita' neozelandesi - a tutti coloro che sono in Nuova Zelanda con visti temporanei di fare rientro il prima possibile in Italia, se riescono a trovare una opzione di volo disponibile. Chi pensa di restare deve avere un Piano di media-lunga durata per fronteggiare l'emergenza in corso. Vi invitiamo a considerare se avete a disposizione un alloggio adeguato a vivere in autoisolamento e se avete abbastanza risparmi per mantenervi per un un periodo medio-lungo senza la possibilita' di lavorare. Vi invitiamo infine a considerare attentamente le problematiche cui andate incontro rimanendo all'estero in una situazione di emergenza, senza garanzie di welfare e di assistenza, lontano dagli affetti e senza reti sociali stabili.

Adesso che le Autorita' neozelandesi hanno dichiarato lo Stato di emergenza nazionale che succede? Il Governo neozelandese impone a tutte le persone che si trovano in Nuova Zelanda di restare in auto-isolamento per un periodo di 4 settimane (con possibilita' di proroga). Durante questo periodo solo i servizi essenziali rimarranno aperti (strutture sanitarie, supermercati, industrie strategiche, etc.). Se non l'avete gia' individuata, vi invitiamo a trovare il prima possibile una accomodation presso la quale poter trascorrere il periodo di autoisolamento assieme ai propri familiari/contatti piu' stretti. Tutte le informazioni relative allo Stato di emergenza sono disponibili al sito covid19.govt.nz. Ricordiamo che le Autorita' neozelandesi hanno annunciato la tolleranza zero verso i comportamenti non conformi alle regole dello Stato di emergenza. Chiunque contravviene alle direttive governative sara' sanzionato. 

Gli alberghi resteranno aperti? E' previsto che le strutture alberghiere possano restare aperte per ospitare i visitatori che devono restrare in autoisolamento. La scelta di restare aperti o meno e' in capo alle singole strutture alberghiere. E' possibile inoltre rivolgersi al numero 0508754163 per registrarsi con l'Agenzia governativa MBIE per ricevere assistenza nell'individuazione di un alloggio dove poter restare in auto-isolamento. Si invita inoltre a fare riferimento anche ai principali siti online di prenotazioni alberghiere (gli hotel che non sono piu' aperti vengono generalmente esclusi dalle ricerca). 

Il Governo neozelandese mi aiutera' a sostenere le spese dovute all'auto-isolamento? Il Governo neozelandese puo' fornire assistenza nell'indivuazione di un alloggio che consenta l'auto-isolamento ma non offre sostegni economici a visitatori e residenti temporanei. Se siete residenti permanenti o cittadini neozelandesi potrete - a determinate condizioni - chiedere un supporto al Ministry of Social Development.

Il trasporto pubblico continua a funzionare? Il trasporto pubblico funziona in misura ridotta ed e' limitato a coloro che lavorono nei servizi essenziali. Anche i voli domestici funzionano a regime ridotto e solo per i lavoratori dei servizi essenziali (per maggiori informazioni vi suggeriamo di cotattare l'unico vettore ancora operativo in NZ, Air NZ). Il servizio di traghettamento fra l'Isola Nord e l'Isola Sud non e' piu' operativo. Si suggerisce di prendere contatto con i singoli operatori (pubblici e privati) del settore per verificare la funzionalita' dei servizi di trasporto nella vostra zona.

Posso prendere un volo domestico per raggiungere l'aeroporto internazionale da cui parte il mio volo di rimpatrio? Il Governo neozelandese ha deciso che non e' possibile imbarcarsi su un volo domestico per raggiungere l'aeroporto di partenza di un volo internazionale, anche se si e' in possesso di regolare biglietto per la tratta internazionale. Per maggiori informazioni vi suggeriamo di contattare Air NZ.

E' possibile spostarsi all'interno del Paese? Il Governo neozelandese ha indicato che tutti gli spostamenti interni al Paese sono vietati, ad eccezione degli spostamenti degli operatori dei servizi essenziali, della movimentazione merci e dei comprovati motivi di salute. E' possibile spostarsi in auto solo per l'acquisto di generi alimentari o medicinali.

 


271