This site uses cookies to provide a better experience. Continuing navigation accept the use of cookies by us OK

Variazione o Ripristino Nome/Cognome

 

Variazione o Ripristino Nome/Cognome

A. CAMBIO NOME/COGNOME

Al contrario di quanto accade in Nuova Zelanda, dove la modifica del nome o del cognome avviene attraverso una semplice procedura amministrativa, in Italia i provvedimenti di cambiamento o modificazione del nome o del cognome rivestono carattere eccezionale e possono essere ammessi solo ed esclusivamente in presenza di situazioni oggettivamente rilevanti, supportate da adeguata documentazione e da solide e significative motivazioni, così come evidenziato dal Decreto del Presidente della Repubblica 3 novembre 2000, n. 396. In particolare, Il d.P.R. 396/2000 consente:
• Il cambiamento del nome o del cognome perché ridicolo o vergognoso o perché rivela origine naturale (art. 89);
• Il cambiamento del nome o aggiunta di altro nome al proprio (art. 89);
• Il cambiamento del cognome o aggiunta di altro cognome al proprio (art. 84).

L’iter (in sintesi) è il seguente:
• L’interessato/a trasmette all’Ufficio consolare il modulo (compilato, sottoscritto e con bollo NAA, vedi tariffa consolare di riferimento), unitamente alla Dichiarazione sostitutiva di Certificazioni (D.P.R. 445/2000) e copia del documento identità in corso di validità;
• L’interessato/a allega a corredo tutta la documentazione necessaria a giustificare la sua scelta e le sue necessità;
• L’Ufficio consolare inoltra il modulo alla Prefettura competente per iscrizione AIRE;
• La Prefettura emette il Decreto (in fase istruttoria può richiedere altra documentazione);
• L’ufficio consolare provvede alla pubblicazione del Sunto e Decreto con apposto bollo NAA (vedi tariffa consolare di riferimento), firmati digitalmente sull’albo consolare online;
• Al termine della pubblicazione (normalmente 30 gg), l’Ufficio consolare conferma alla Prefettura l’assenza/presenza di eventuali opposizioni;
• L’ufficio riceve quindi il Decreto prefittizio finale autorizzatorio di cambio cognome o nome, sul quale va apposto un ultimo bollo NAA (vedi tariffa consolare di riferimento);
• Il Decreto finale autorizzatorio viene trasmesso all’interessato/a e al Comune di Iscrizione AIRE per i successivi adempimenti (variazione in AIRE, passaporto, etc.). Deve essere accompagnato da Istanza dell’Interessato/a di rettifica cognome o nome nei registri di Stato Civile del Comune (l’Istanza verrà inviata alla fine dell’iter via email all’interessato/a per la compilazione e il successivo re-invio).

Il connazionale che desidera avanzare un'istanza di cambio nome/cognome, dovra' inviare, attraverso questa Ambasciata, una apposita istanza al Prefetto del Comune di iscrizione AIRE.
1.Modello A: Cambio cognome maggiorenni
2.Modello B: Cambio nome maggiorenni
3.Modello C: Cambio cognome minore
4.Dichiarazione sostitutiva di certificazioni
5.Tariffa consolare: Da versare tramite BANK CHEQUE - e NON personal cheque - (art.NAA); Tale pagamento sara' richiesto altre 2 volte, se l'istanza vera' accettata dal Prefetto.

La procedura puo' durare alcuni mesi.

 

B. RIPRISTINO DI COGNOME

Ai sensi dell’art. 98, comma 2, del DPR 3 novembre 2000 il cognome attribuito al momento della nascita può essere stato modificato/corretto in sede di registrazione dell’atto di nascita.
Il Ministero dell’Interno, con la Circolare n.4/2010 ritiene che relativamente alla possibilità di applicare la circolare n.397/2008 anche ai casi di correzione del cognome effettuate ai sensi dell’art. 98, comma 2, del D.P.R. 396/2000, l’Ufficiale di Stato Civile possa procedere ad una correzione sulle trascrizioni pregresse a condizione che tale correzione sia richiesta espressamente dalla parte interessata.
E’ possibile dunque richiedere il RIPRISTINO del COGNOME ORIGINARIO attribuito al momento della nascita nel proprio certificato di nascita straniero in base alla normativa locale, attraverso l’invio al Comune di Iscrizione AIRE del modulo Istanza al Comune per ripristino cognome e Istanza al Comune per ripristino cognome figlio, in caso di richiesta per minore.
Istanza al Comune per ripristino cognome
Istanza al Comune per ripristino cognome figlio

 

C. RIPRISTINO DI NOME

Prima dell’entrata in vigore del D.P.R. 396/2000, il prenome attribuito al momento della nascita poteva essere modificato/corretto in sede di registrazione dell’atto di nascita. Ai sensi dell’art. 36, comma 1, del D.P.R. 396 del 3 novembre 2000, l’interessato/a può richiedere che negli estratti per riassunto e nei certificati rilasciati dagli uffici di stato civile e d’anagrafe, il proprio prenome sia riportato a come era indicato in origine. L’Ufficiale di Stato Civile procederà ad una correzione sulle trascrizioni pregresse.
E’ possibile dunque richiedere il RIPRISTINO del PRENOME ORIGINARIO attribuito al momento della nascita nel proprio certificato di nascita attraverso l’invio al Comune di Iscrizione AIRE del modulo Istanza al Comune per ripristino prenome e Istanza al Comune per ripristino prenome figlio, in caso di richiesta per minore.
Istanza al Comune per ripristino nome
Istanza al Comune per ripristino nome figlio

 

D. AGGIUNTA COGNOME MATERNO

Caso in cui il Certificato di nascita straniero del figlio di genitori italiani non rechi il cognome materno di seguito a quello paterno. Possibilità di richiedere la posposizione del cognome materno.
Con la Circolare n.7/2017 il Ministero dell'Interno dà nuove istruzioni operative in merito all'attribuzione del cognome materno. Conformemente a quanto previsto dall'art. 98 del D.P.R. 396/2000, nei casi in cui l'atto straniero di nascita straniero di figli di genitori entrambi esclusivamente italiani, di cui viene richiesta la trascrizione, indichi il solo cognome paterno, nonostante la volontà dei genitori di attribuire anche quello materno, potrà essere acquisita una istanza con la quale i genitori richiedono di trascrivere l'atto riportando anche il cognome della madre, e di trasmetterla al Comune italiano unitamente all'atto di nascita. La Circolare in questione conferma che la novità introdotta dalla sentenza n. 286/2016 riguarda unicamente la posposizione del cognome materno a quello paterno e non viceversa. La Circolare precisa poi che l'attribuzione del cognome materno al nuovo nato riguarda tutti gli elementi di cui esso è composto.
Istanza al Comune per aggiunta cognome madre posposto


250