This site uses cookies to provide a better experience. Continuing navigation accept the use of cookies by us OK

DOMANDE FREQUENTI SUI RIENTRI IN ITALIA, INGRESSI IN NUOVA ZELANDA E SITUAZIONE VOLI

Date:

03/29/2020


DOMANDE FREQUENTI SUI RIENTRI IN ITALIA, INGRESSI IN NUOVA ZELANDA E SITUAZIONE VOLI

DOMANDE FREQUENTI SUI RIENTRI IN ITALIA, INGRESSI IN NUOVA ZELANDA E SITUAZIONE VOLI

(aggiornamento al 23.09.2020)

Voglio rientrare immediatamente in Italia. Che devo fare? Una paronamica sulle principali rotte aperte per il rientro in Italia e' disponibile in calce a questa pagina. Suggeriamo di contattare un’agenzia di viaggi per informazioni aggiornate alle tratte aperte ai viaggiatori italiani. Sconsigliamo di prenotare voli online. Se non conoscete un'Agenzia di viaggio fate riferimento alla Lista di contatti di Agenzie di viaggio di fiducia della nostra Ambasciata. 

Avevo un volo di rientro in Italia, ma mi e' stato cancellato. Che devo fare? Dovrete contattare la compagnia aerea o l'agenzia di viaggio con cui avete prenotato il volo per richiedere la riprenotazione su un altro volo o il rimborso del costo del biglietto. Nel notificare la cancellazione del volo, la compagnia aerea deve inviarvi informazioni precise in merito a tali procedure.

E' possibile transitare per l'Australia? Si, ma a determinate condizioni. Informazioni aggiornate sono disponibili in calce a questa pagina.

Sono bloccato in un'Isola del Pacifico. E' possibile transitare in Nuova Zelanda o Australia? La nostra Ambasciata ha negoziato un accordo con il Goveno neozelandese che consente il transito in Nuova Zelanda ai cittadini italiani bloccati in un'isola del Pacifico. I cittadini devono possedere un itinerario di viaggio completo fino alla destinazione finale in Italia e devono rimanere nell'area transiti aeroportuale (per un massimo di 24 ore).

La mia compagnia aerea richiede un Test COVID 19 negativo per l'imbarco. Come posso chiederlo? I test COVID 19 possono essere richiesti da un GP o dalla Healthline. Per maggiori informazioni clicca qui.

Se volo verso un altro Paese europeo potro' poi fare rientro in Italia? Il traffico passeggeri (aereo e via terra) e' consentito nella maggior parte dei Paesi europei. Per informazioni aggiornate si consiglia di consultare il sito Viaggiare Sicuri e la pagina web dell'Ambasciata italiana nel Paese di destinazione del vostro volo.

Dove trovo informazioni aggiornate sulle restrizioni all'ingresso in Paesi terzi di transito verso l'Italia? Sul sito Viaggiare Sicuri e sul sito della IATA.

Il mio visto neozelandese scadra' a breve. Posso ottenere un'estensione? Le Autorita' di immigrazione neozelandesi hanno deciso l'estensione automatica fino al 25 settembre dei visti temporanei che sarebbero scaduti fra il 2 aprile ed il 9 luglio 2020. Per coloro che si trovano in questa situazione non sono previste nuove estensioni. I titolari di visti temporanei che non riuscissero a lasciare il Paese entro il 25 settembre per le limitationi del trasporto aereo potranno presentare a partire da meta' settembre domanda di un visto visitor di 2 mesi (che non consente di lavorare). I titolari di visto visitor in scandenza entro la fine Ottobre riceveranno invece una estensione del visto fino marzo, mentre ai titolari di visto vacanza-lavoro con scadenza tra il 1 Ottobre 2020 ed il 31 marzo 2021 sara' automaticamente rilasciato un visto Supplementary Seasonal Employment (SEE) che consentira' di lavorare in agricoltura e orticoltura. 

Saranno organizzati nuovi voli speciali UE dalla Nuova Zelanda? No. Non sono previsti nuovi voli speciali di rimpatrio dalla Nuova Zelanda.  

Cosa devo fare al rientro in Italia? Coloro che rientrano dalla Nuova Zelanda sono tuttora assoggettati all'obbligo di auto-isolamento per 14 giorni presso la propria destinazione finale in Italia.  Per maggiori informazioni sugli obblighi alla sezione dedicata del sito Ministero degli Affari Esteri italiano. 

Mi trovo in Italia ma avevo organizzato di venire in Nuova Zelanda. E’ ancora possibile partire? Il Governo neozelandese vieta l'entrata a tutti i viaggiatori provenienti dall'estero - inclusa l'Italia - in considerazione dell’epidemia di COVID-19. Sono esclusi dal divieto i cittadini neozelandesi o i residenti (titolari di resident class visa). Possono entrare in Nuova Zelanda anche i partner e i figli a carico. Limitatissime eccezioni potranno essere concesse per lavoratori essenziali o comprovate circostanze di natura umanitaria. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito dell'Immigrazione neozelnadese. Tutti coloro cui e' consentito entrare in Nuova Zelanda dovranno trascorrere un periodo di 14 giorni in quarantena obbligatoria presso un'apposita struttura individuata dalle Autorita' neozelandesi.

Quando riprira' il confine neozelandese? Non si prevedono aperture a breve del confine neozelandese. Future aperture dipenderanno dall'andamento della diffusione in Nuova Zelanda e nel resto del mondo. Possibili aperture a determinate categorie di visto potrebbero avvenire, nello scenario piu' positivo, fra circa di 6-12 mesi.

E' vero che l'Accordo Vacanza-Lavoro e' stato sospeso? Il Governo neozelandese ha comunicato che non concedera' nuovi visti vacanza-lavoro a persone residenti all'estero (e' ancora possibile presentare domanda di visto vacanza-lavoro se gia' si risiede in Nuova Zelanda). I visti gia' concessi sono da considerarsi non utilizzabili e saranno rimborsati. Per informazioni su come richiedere il rimborso di un visto non utilizzabile cliccate qui

Posso richiedere un visto per la Nuova Zelanda anche se il confine e' al momento chiuso? Le Autorita' di immigrazione neozelandesi hanno comunicato la sospensione delle domande di visto dall'estero, eccetto che per pochissime tipologie di visto. Trovate maggiori informazioni a questo link

Che copertura sanitaria hanno i cittadini italiani in Nuova Zelanda? E che succede se mi ammalo di Covid 19? Non esistono accordi sanitari bilaterali fra Italia e Nuova Zelanda. Nel caso in cui il vostro visto non vi garantisca l’accesso al servizio sanitario neozelandese (e’ cosi’ per la maggior parte dei visti temporanei), il vostro livello di copertura medica dipende dall'assicurazione sanitaria/viaggio che avete stipulato. Il Governo neozelandese ha comunque assicurato che si fara' carico di eventuali spese direttamente collegate al contagio da Covid 19, incluse le spese di sorveglianza, diagnosi (incluso le spese per il tampone), trattamento, follow-up e contact tracing.  

Mi scade l'assicurazione di viaggio e non riesco a rinnovarla. Posso stipulare un'assicurazione in loco? Si e' possibile stipulare un'assicurazione in loco. Trovate a questo link una Lista delle principali Societa' di assicurazioni attive in Nuova Zelanda. Si prega di notare che solo Southern Cross ci risulta avere polizze di assicurazioni dedicate agli stranieri con visti temporanei.

Dove posso trovare informazioni sulle misure adottate dalla Nuova Zelanda per fronteggiare l'epidemia di Covid 19? Tutte le informazioni relative all'emergenza COVID 19 sono disponibili al sito covid19.govt.nz

Il Governo neozelandese che assistenza mi puo' offrire? Se non riuscite ad accedere a generi alimentari di base o non avete un alloggio potete contattare per assistenza il piu' vicino Civil Defence Emergency Management (CDEM) Group. Se siete residenti permanenti o cittadini neozelandesi potrete - a determinate condizioni - chiedere un supporto all'Agenzia governativa Work and Income

Sono in Nuova Zelanda con un visto vacanza-lavoro. Come faccio a trovare un lavoro? Molti settori economici che offrivono opportunita' di lavoro per titolari di visto vacanza-lavoro sono in difficolta' a causa dell'epidemia di Covid 19 (soprattutto ospitalita' e turismo). Settori che hanno avuto meno contraccolpi sono la distribuzione alimentare ed il comparto agricolo. Si prega di cliccare a questo link per maggiori informazioni sui principali siti di ricerca lavoro in Nuova Zelanda.

 

SITUAZIONE VOLI PER IL RIENTRO IN ITALIA

SEGUONO INFORMAZIONI SULLA SITUAZIONE DEI VOLI PER IL RIENTRO IN ITALIA RICEVUTE DA COMPAGNIE AEREE, AGENZIE DI VIAGGIO E AUTORITA' DI IMMIGRAZIONE. VISTO IL RAPIDO EVOLVERSI DELLA SITUAZIONE RELATIVA AI TRANSITI E ALLE POLITICHE DELLE COMPAGNIE AEREE SI RACCOMANDA SEMPRE DI FARE RIFERIMENTO AD UN QUALIFICATO AGENTE DI VIAGGIO PRIMA DI PRENOTARE QUALSIASI ITINERARIO DI VOLO.

Si raccomanda di non acquistare biglietti on-line, ma di rivolgersi ad un’agenzia di viaggi, in modo da essere prontamente informati di cambiamenti nelle date e negli itinerari dei voli.

Se non avete un'agenzia di viaggio di fiducia, vi invitiamo a contattare una delle Agenzie di riferimento dell'Ambasciata.

PIU' RECENTI DISPOSIZIONI PER IL TRANSITO IN AUSTRALIA:

a) Non e’ piu’ richiesta un’autorizzazione specifica di autorizzazione al transito, se il transito e’ inferiore alle 72 ore ed il biglietto e’ unico con destinazione finale in Italia https://covid19.homeaffairs.gov.au/transiting-australia.

b) e’ invece necessario comunque essere in possesso del visto di transito per transiti superiori alle 8 ore https://immi.homeaffairs.gov.au/visas/getting-a-visa/visa-listing/transit-771

c) Per quanto riguarda le eccezioni all’obbligo di quarantena per transiti superiori alle 8 ore, di competenza statale, le disposizione sono le seguenti:

New South Wales (transiti su Sydney superiori alle 8 ore):
https://www.health.nsw.gov.au/Infectious/covid-19/Pages/quarantine-exemptions.aspx

Queensland (transiti su Brisbane): passeggeri in transito internazionale non hanno piu’ bisogno di un’autorizzazione previa. Si dovra’ compilare un’apposita dichiarazione in aeroporto

Victoria (transiti su Melbourne): l’aeroporto rimane per il momento chiuso ai transiti internazionali

 

PRINCIPALI ROTTE PER IL RIENTRO IN ITALIA

Le principali rotte per i rientri in Italia sono al momento con la compagnia aerea Qatar Airways (da Auckland) via Australia e Doha, con la Singapore Airlines (da Auckland e Christchurch) via Singapore e con Emirates via Australia e Dubai.

Per i voli via Dubai e' richiesto a partire un Certificato che confermi l'effettuazione di un test COVID 19 con esito negativo 96 ore prima del volo. Per informazioni su come richiedere un test COVID 19 in Nuova Zelanda cliccate qui.

Altre rotte di viaggio possibili per raggiungere l'Italia, magari attraverso uno scalo in un Paese terzo europeo, sono via Los Angeles, San Francisco e Hong Kong. Se intendete fare rientro via Stati Uniti, dovrete necessariamente fare domanda di ESTA per il transito negli USA.

Vista la complessita' delle opzioni di viaggio, le possibili difficolta' di transito e la rapida evoluzione delle politiche delle compagnie aeree, vi ribadisce l'invito ad affidarsi sempre ad un'agenzia di viaggio per verificare l'effettiva disponibilita' delle singole soluzioni di viaggio individuate.


271