Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Sanitaria

 

Sanitaria

 

ASSISTENZA SANITARIA IN ITALIA

Ai sensi del DM 1 febbraio 1996 ai cittadini con lo stato di emigrato ed ai titolari di pensione corrisposta da enti previdenziali italiani, che rientrino temporaneamente in Italia, sono riconosciute, a titolo gratuito, le prestazioni ospedaliere urgenti e per un periodo massimo di 90 giorni per ogni anno solare, qualora gli stessi non abbiano una copertura assicurativa, pubblica o privata, per le suddette prestazioni sanitarie. Per ottenere le prestazioni ospedaliere urgenti va sottoscritta una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà in cui si dichiara, oltre al proprio stato di emigrato, che non si è in possesso di una copertura assicurativa pubblica o privata contro le malattie.

IMPORTANTE: Alla luce della vigente disciplina in tema di autocertificazioni e delle valutazioni qui comunicate dal Ministero della Salute, la condizione di emigrato, presupposto per la fruizione delle prestazioni sanitarie ivi previste, non deve più essere attestata dall’Autorità consolare poiché più semplicemente autocertificabile mediante dichiarazione sostitutiva presso le ASL di competenza.

La condizione di emigrato dovra’ essere attestata mediante dichiarazione sostitutiva di certificazione da presentare alla competente ASL, con la quale il cittadino autocertifica:

  • A - di essere nato in Italia, di possedere la cittadinanza italiana, nonche' di risiedere all'estero, indicando il Comune di iscrizione AIRE; oppure
  • B - di essere nato all'estero, di possedere la cittadinanza italiana, di aver risieduto in Italia, indicando il Comune di iscrizione all'Anagrafe della popolazione residente (ANPR), di risiedere attualmente all'estero ed essere quindi iscritto all'Anagrafe degli italiani residenti all'estero (AIRE).

Per agevolare il connazionale nella compilazione dell’autocertificazione, e’ stato predisposto da questa Ambasciata un facsimile bilingue che l’interessato consegnera’ personalmente (compilato e firmato) alla competente ASL in Italia, in caso di rientro temporaneo in Italia.

Per maggiori informazioni si rimanda al sito web del Ministero della Salute, che ha la competenza in materia.

ASSISTENZA SANITARIA IN NUOVA ZELANDA

Non esistono accordi bilaterali fra Italia e Nuova Zelanda in materia di assistenza sanitaria. Si invitano pertanto i connazionali che si recano in Nuova Zelanda a stipulare una assicurazione sanitaria privata.

 


87